Pianeta Terra

Pianeta Terra

Pianeta Terra con sorpresa…

Benvenuti in questo spazio, che ci consente di addentrarci cautamente, con gli intenti di curiosità, ricerca, esplorazione, comprensione, utilizzando il lanternino della verità/onestà, in questo mondo che ci sta ospitando e nel quale stiamo percorrendo quotidianamente il nostro cammino di vita. Un mondo che nessun uomo ancora bene conosce: il Pianeta Terra.

Vale sempre il nostro annuncio per quelle persone di buona volontà, sicuramente un pò speciali, o che lo sono ma non sanno ancora di esserlo, che apprezzano le idee da noi espresse: se volete collaborare per incrementare la nostra scarsa, ma ben indirizzata conoscenza, siete benvenuti. Un modo per scambiarci idee lo troveremo. Per noi la cosa importante è mantener fede ai principi esposti nella pagina “Pensiero” in merito alla Triade di Luce, considerando anche la radiografia esposta nella premessa sull’identità delle persone che vorremmo al nostro fianco: puntiamo tutto sui valori, quali onestà, lealtà, ricerca della verità, al fine di creare gruppi di persone che vogliano condividere le idee che noi esprimiamo. Legsol come riferimento e polo di attrazione ed espansione umana, per generare la Grande Visione e quindi la consapevolezza che generi tanti cambiamenti verso una splendente civiltà. Non ci stancheremo mai di ripetere che dobbiamo creare terreno fertile per la semina e la coltivazione di sani valori ed evitare invece, ciò che è la prassi per tutta l’informazione massmediatica, di favorire lo sviluppo di pricipi contrari al miglioramento della vita, al diritto di vivere, al rispetto della natura. In questo spazio cercheremo di sensibilizzarci  alla comprensione della vita sulla terra in relazione all’ambiente che ci circonda.

Partiamo subito con alcune tra le infinite domande che potremmo farci. Quanto è giusto vivere al 104° piano del glorioso Empire State Building, il più famoso grattacielo di New York alto 381 mt, senza contare la sua antenna? La vita che ha scelto il nostro corpo è contenta di starsene lassù, senza contatto diretto con le energie di madre natura, che provengono dal suolo, dalla vegetazione e dagli interscambi di relazioni umane che potrebbero avvenire nella società che abbiamo creato? Sembra da paranoia, da incubo, e per fortuna che le finestre sono bloccate, senza possibilità di uscita: vita in cattività, chiusi in gabbia. La nostra parte animale ci permette anche di adattarci a vivere in reclusione, ma a questo punto allora ci conviene considerare anche il nostro spirito e provare a vivere da asceti, magari come monaci se apprezziamo la comunità oppure come eremiti se ce ne vogliamo stare isolati, magari contemplando stupendi paesaggi naturali.

Altra domanda, tra le infinite: ma quando partiamo per dieci giorni di vacanza al mare, nei mesi estivi in cui la maggior parte degli italiani prende le meritate vacanze, ed arrivati al nostro mare capita di vederlo con chiazze oleose o schiuma bianca in superficie, per non parlare di sacchetti, oggetti in plastica ecc…capita spesso che ci arrabbiamo e ci giochiamo le vacanze? Il famoso progresso (su cui già abbiamo espresso opinioni), tecnologia ed evoluzione, che ci portano verso la copertura del pianeta con immondizia e sostanze inquinanti: ma ci rincuoriamo, per fortuna che ci capita solo dieci giorni all’anno. Peccato, però, che la situazione si ripeta uguale l’anno successivo. Che fare per non rinunciare alle nostre vacanze? Beh, intanto sperare che gli organi competenti nelle varie località costiere si attivino per dare ogni tanto una bella ripulita al nostro mare, e questo già avviene da anni. Oppure per chi ha la possibilità, scegliere un paese straniero dove gli effetti dell’inquinamento siano ancora meno evidenti e pervasivi. Riusciamo spesso a trovare degli espedienti, che in genere curano l’effetto e non la causa del nostro problema. Un pò come per le nostre medicine: qui non vale il detto del dentista “tolto il dente, tolto il dolore”. E il dolore deve ritornare, deve accompagnarci nel nostro cammino, perchè l’economia si serve del dolore, ma qui siamo in un altro capitolo e ne parleremo.

Tuttavia, come spesso accade nella vita, per tutte quelle situazioni e relazioni di convivenza risulta sempre utile trovare accordi e compromessi: per proseguire nel processo vitale della crescita siamo tutti interdipendenti, è il legame evolutivo. Siamo legati, ma liberi. Un pò come il legame tra madre, padre e il figlio che deve crescere, il quale riceve cure ed attenzioni affinchè cresca sano , forte e con dei pricipi, modelli e schemi comportamentali che gli siano utili per affrontare la vita da adulto. La sua intelligenza gli sarà utile poi per capire come cavarsela senza più dipendere dai suoi genitori: con madre natura è la stessa cosa. Qualcuno ci ha regalato un pianeta sul quale stiamo vivendo, ma del quale ancora molto abbiamo da scoprire e capire. Il problema è che la nostra intelligenza viene superata dalla stupidità, quindi pensiamo esclusivamente di sfruttare le risorse che ci consentono di impostare una società basata sull’utilizzo di energia per creare un’economia consumistica, spinta dall’etica del profitto e supportata dall’idea di creare sviluppo e progresso. Ma è testimoniato che la vita, per qualsiasi situazione ad essa correlata, ci presenta sempre una medaglia a due facce: i fautori dello sviluppo e del progresso ci fanno ovviamente vedere la parte bella della medaglia, il davanti, mentre esiste anche il retro (o il rovescio), che forse è meno bello, o perlomeno più sconveniente per l’economia dei consumi. La stupidità è alimentata all’inverosimile dai modelli culturali che sono divulgati nella nostra società, sicchè ci fermiamo a godere solo delle cose belle create dal progresso, e fin qui nulla di male. Anzi, mai come in questa epoca gli esseri umani hanno goduto di tanta libertà e possibilità di creare cose belle nella vita: la massa ha conquistato un piccolo posticino di apparente benessere nel palcoscenico della vita, con la possibilità di studiare e giungere alla conoscenza di tante informazioni sulla vita stessa. Quindi, invece di studiare come trovare degli equilibri per creare armonia tra i viventi e la natura, ci perdiamo in un consumo sfrenato delle risorse, creando danni all’ecosistema ambientale e portando la nostra civiltà verso l’inarrestabile declino.

asteroide

Che bell’impatto…

A questo punto analizziamo tre ipotesi per il futuro del nostro pianeta e dei suoi abitanti. La prima: arriva l’asteroide. Coloro che assecondano questo tipo di ragionamento sono quelle persone che decidono che è meglio proseguire su questi binari, godersi tutto quello che la natura può offrire, essere magari tra i pochi che riusciranno a gestire il potere ed avere privilegi, oppure essere comunque tra quei tanti che possono avere gli agi e le comodità che la vita moderna sta offrendo (per i paesi industrializzati). Tutti costoro seguono il “carpe diem” del poeta latino Orazio: la vita è molto bella e preziosa, ma fugace, per cui godiamocela oggi senza dar troppo peso al domani. Purtroppo per i paesi industrializzati il domani è grigio, se non nero (come carbone e petrolio) a causa di inquinamento, immondizia, guerre per le risorse energetiche, aumento demografico: il famoso rovescio della medaglia. E’ molto probabile che arrivi anche un’asteroide che porterebbe devastazione e distruzione della vita sulla Terra; oppure l’innalzamento del livello dei mari o il diluvio universale bis. Chissà, forse anche un attacco alieno. Tutto spinge verso il godersi questa vita abbagliante, che potrebbe essere irripetibile e per cui da non perdersi, che sarà anche l’obiettivo dei paesi che si stanno sviluppando in questi anni. In Italia, paese in qualche modo sviluppato, ora ce la stiamo godendo alla grande.

greenpeace

Greenpeace, attivisti coraggiosi….

Seconda ipotesi: difesa/salvezza della natura. Qui si raggruppano quelle persone che hanno un animo molto sensibile, realistico e spesso anche coraggioso, ossia quelle persone che riescono a vedere anche il rovescio della medaglia, vogliono guardare in faccia la realtà, in modo onesto. E’ una nobile causa, un pensiero alla natura, magari senza scopo di lucro o di perseguimento di un progetto politico pianificato, allo scopo di servire il potere o da parte del potere. E’ sempre un’idea pregevole, di valore inestimabile la difesa della natura, ma potrebbe essere vero anche il contrario: ossia che andando avanti di questo passo saremo noi esseri umani che dovremo difenderci dalla natura stessa, come è sempre stato da quando esiste la vita sulla Terra. Noi pensiamo di averla dominata, ma forse è un pensiero ingannevole, un semplice abbaglio, una pseudo convinzione di onnipotenza. Progresso e tecnologia ci stanno abituando troppo bene. Torniamo con i piedi per terra e diamoci da fare per scoprire come vivere in armonia e nel rispetto della natura.

Prima di considerare la terza ipotesi osserviamo questi dati relativi alle potenziali riserve mondiali per l’approvvigionamento energetico:

- Carbone      850 mld tonnellate        X 140 anni ancora

- Petrolio      1215 mld di barili            X 40 anni ancora

- Gas           180.000 mld di mc           X 60 anni ancora

- Uranio       3,3 mln tonnellate            X 78 anni ancora

Possiamo considerare anche poco attendibili i dati sopra esposti, sicuramente datati a qualche anno fa, nulla vieta a chi ci legge di andare a cercarsi dati magari più aggiornati. Però, considerando che ci sono paesi che si stanno sviluppando (Cina, India, Brasile, molti stati africani) e che avranno sempre più bisogno di energia e di materie prime, il pensiero è che per il futuro la situazione non potrà certo migliorare. Arriverà il giorno in cui ci troveremo con la pancia vuota e le tasche rivoltate: forse tra 100 anni, forse anche 200. Chi può dirlo, tanto noi sicuramente non ci saremo.

Legione del Sole

Legione del Sole

Giunge quindi il momento della terza ipotesi: tuteliamo vita e natura. Nascono i principi di Legione del Sole, quelli relativi alla Triade di Luce. Consapevoli che la strada dello sfruttamento delle risorse energetiche unicamente per inseguire l’etica del profitto, al fine di creare più o meno tanti Paperon de Paperoni (vedi Bill Gates e soci), i quali accumulano insignificanti capitali terreni, conduce inevitabilmente alla produzione di inquinamento, immondizia, squilibri nell’ecosistema ambiente, miseria e povertà diffusa, noi di Legione del Sole cominciamo a delineare la visione di un nuova civiltà. Vediamo il perchè di un mondo nuovo alla luce di tre fattori che potranno compromettere l’esistenza di quello attuale:

-1) Materie prime (pilastro su cui si fonda la nostra società industriale,sicuramente finiranno: DIPENDE DA NOI)

-2) Cataclismi naturali (asteroidi, eruzioni vulcaniche, terremoti, epidemie,    carestie: NON DIPENDE DA NOI)

- 3) Rivoluzioni (guerre, giochi di potere, nuovo ordine mondiale: DIPENDE ANCHE DA NOI)

L’unico fattore sul quale l’essere umano non può influire è quello dei cataclismi, mentre per gli altri due raggiunta una certa consapevolezza  possiamo anche intervenire. Diciamo ‘anche’, perchè non è obbligatorio e non è nemmeno così immediato l’intervento. Diciamo ‘anche’ perchè basterebbe la volontà di farlo. Diciamo ‘anche’ perchè…perchè non cominciamo a distinguerci per l’intelligenza, la purezza e la bellezza delle nostre idee? Seguendo i principi che nascono dalla Triade di Luce si vuole dare importanza alla vita e alla natura, in sinergia, perchè sono elementi inscindibili, e gli esseri umani che vogliono godere della vita e realizzare il loro cammino di crescita lo possono fare, perchè stiamo percorrendo il giusto sentiero. 6 miliardi di persone che vogliano seguire questo cammino, che aderiscano alla terza ipotesi, sono un grande gruppo sul pianeta Terra: possiamo preservare il pianeta e creare vita vivibile per tutti. Dobbiamo cercare i punti di equilibrio e di armonia con la natura.

orso polare

Madre e figlio…il legame evolutivo!

 

I primi passi consistono nell’informare il nostro vicino che…che esiste Legione del Sole, e che qualcosa siamo chiamati a fare: dobbiamo raggiungere la grande visione. E’ un cammino quotidiano, molto semplice perchè basta capire che dobbiamo operare sempre in favore della vita che vuole vivere, e noi esseri umani non dobbiamo impedirlo per avidità. Non sarà magari per noi, ma sicuramente per i nostri figli o nipoti: prendere o lasciare. O stiamo con la vita o contro la vita. Per noi di Legione del Sole il pensiero va solo in quella direzione: la Triade di Luce. Depressione, disperazione, senso di smarrimento, ansie, paure, si allontaneranno da noi e rimarranno abbandonate nel profondo del dimenticatoio della nostra memoria. Carichiamoci di onestà e vendiamo onestà, questa è la ricetta per un grande futuro di convivenza serena e pacifica mondiale. Onestà è luce che esce dagli occhi delle persone: la stessa luce che arriva sulla Terra e che dona la vita. Triade di Luce sempre.

Ecco un esempio di comunità che sta portando avanti un lavoro di sinergia tra essere umano e natura, con tante fondamenta di consapevolezza e amore. Sono buoni spunti per la riflessione…

Vedi…

Siamo appena nati e vogliamo crescere con voi, quindi vi chiediamo cortesemente di lasciarci un vostro parere alla pagina “Contatti“.

Grazie, un saluto a voi

Legsol

 

 

 

La Grande Visione

Un benvenuto a colui che legge. Stiamo inaugurando lo spazio dedicato a “La Grande Visione” (LGV).

cavallo pazzo

Cavallo Pazzo e la Grande Visione.

Ebbene di cosa si tratta? E’ probabile che noi di Legsol si passi per dei pazzi visionari…ci piace anche così e vogliamo subito tranquillizzare gli appassionati di fumetti  dicendo che non parleremo del mitico personaggio della Marvel Comics. Invece affermiamo con estrema convinzione (come sempre) che LGV debba rappresentare per tutti gli uomini di buona volontà il punto di arrivo per per iniziare una partenza. Ambiguo, ma non troppo. E ora ci spieghiamo. Parliamo di una tappa intermedia, la meta per tutte quelle persone che vogliano intraprendere un cammino di crescita consapevole, seguendo quei pochi, chiari e semplici principi che emanano dalla Triade di Luce. Principi forse troppo semplici, chiari e di facile comprensione affinchè possano essere creduti, rispettati, presi in considerazione con doverosa serietà, in quanto in una società complessa come la nostra la semplicità non sempre si può vendere, non sempre si schiera dalla parte di chi vuole il profitto, o semplicemente la gestione del potere. Siamo comunque e sempre convinti che il profitto ed il potere intesi con equità possano decisamente convivere anche con le idee di Legsol. Avremo modo di chiarire durante il nostro cammino.

Ma torniamo a noi, alla nostra grande, stupefacente visione. Essendo l’essere umano destinato a lunga vita (come lo era ai tempi di Matusalemme o lo è tuttora per gli Hunza del Pakistan), ci si pone la domanda per come poterla vivere in gioia e salute, considerando che si sta vivendo un’epoca di totale sfruttamento di risorse (non sono infinite) del pianeta e che la popolazione è in continuo aumento. Come fare per vivere tutti felici, contenti e con pari dignità? La preoccupazione pervade in primis le menti più istruite, coloro che possono osservare dall’alto la situazione di criticità o di benessere dei vari popoli, sono gli uomini di potere e i politici che governano gli stati. Secondariamente a cascata, le informazioni arrivano a coloro che hanno la volontà e la possibilità di reperirle, come giornalisti, studiosi e uomini di ricerca, e sicuramente con minor probabilità tali informazioni arriveranno al popolo degli Hunza, dislocato nelle valli del Pakistan settentrionale. Gli Hunza come gli Amish, e tante altre popolazioni risentiranno molto meno delle problematiche legate alle crisi economiche,finanziarie ed energetiche tipiche della società consumistica, in quanto le loro società sono fondate su valori più semplici e concreti, in simbiosi con la natura e di rispetto delle sue leggi. Non stiamo qui dicendo che per non avere la preoccupazione della vita futura sulla terra si debbano imitare gli Amish, gli Hunza, i Boscimani, gli Indios Yanomami e tante altre popolazioni che vivono fuori dal circuito dell’economia mondiale, ma che coloro che giustamente si preoccupano sono quelle persone che conoscono il problema e che per ora inevitabilmente lo generano, spesso anche incoscientemente. Anzi, per la maggior parte delle persone è così. Continuano, o meglio continuiamo (ci siamo anche noi…stiamo usando il pc) ad alimentare la causa del nostro male, accettando l’idea della comodità, della futilità,dell’irrilevanza, dell’opulenza, della tecnologia sfruttata principalmente per l’etica del facile profitto. Ci ritroviamo in circuito tale per cui la società ci plasma a sua immagine e noi generiamo questa immagine, perchè noi offriamo terreno fertile dove possono essere coltivati i (non) valori più miseri e deplorevoli dell’essere umano. Siamo noi stessi che gettiamo le basi da cui emergeranno i problemi che tanto critichiamo: ci facciamo prendere per la gola, la comodità e la bellezza ci attraggono. Bene, ma non esageriamo. Valutiamo in base al rispetto per la vita e per la natura. E’ molto semplice: le regole della convivenza mondiale devono articolarsi nel rispetto di queste due entità, la cui esistenza esula ancora dalle nostre comprensioni. Queste due entità possono esistere grazie all’arrivo sulla terra di una forza fenomenale, racchiusa dentro i raggi del nostro sole: la luce. Ecco perchè per Legione del Sole diventa importante che gli esseri umani responsabili di aver contribuito a generare ed alimentare quel sistema sociale privo di veri valori arrivino a capire la Triade di Luce, che diventa strumento utile e necessario per realizzare il cambiamento dentro ciascuno di noi e che di conseguenza si riflette anche nella società che noi formiamo e di cui siamo parte vitale. Questa è la Grande Visione, la prima tappa del nostro cammino verso la consapevolezza: è giusto essere preoccupati per il futuro dell’umanità, ma è inutile lamentarsi, arrabbiarsi, trovare un nemico o un capro espiatorio quando tutto può dipendere da noi stessi. Creare un nemico da combattere significa allontanarsi dalla soluzione del problema. Potremmo dire che il nemico è sempre dentro di noi: per questo motivo ci dobbiamo illuminare dentro, col lanternino scovare ed eliminare piccole o grandi paure che abitano nel nostro profondo. Sono loro la causa del nemico che vediamo nella realtà e sul quale scarichiamo la responsabilità dei problemi che si generano. E’ un modo per trovare un alibi e condividere le nostre insicurezze e frustrazioni per non affrontare una nostra realtà interiore un pò scomoda e che potrebbe farci soffrire. Quindi ogni volta che vediamo uno scontro, un conflitto, una guerra, possiamo vedere tante paure irrisolte che si sono materializzate a livello di gruppo o società. Quando  ciascuno di noi sarà giunto a comprendere la Grande Visione, avrà il compito di trasferirla ad altri, e più menti saranno in grado di vedere la Grande Visione e più vicini saremo alla realizzazione di una nuova civiltà. Ogni persona vive la sua giornata creandola e dipingendola come farebbero uno scultore e un pittore, in base agli stati d’animo e ai condizionamenti esterni, che entrambi si condizionano: esiste comunque sempre uno spazio nostro personale dove scegliamo cosa fare, cosa pensare e come agire. Un rifugio dove coltiviamo la nostra essenza e contempliamo la nostra vita, le aspirazioni, i desideri, le ambizioni: coltiveremo anche buoni propositi nei confronti della vita e della natura, tenendo in considerazione la forza generata dalla capacità di amare, l’amore universale incondizionato. Come abbiamo già detto (e ne riparleremo) ciò richiede anche di fare chiarezza in merito ai valori da proporre e da coltivare, perchè la LGV richiede principalmente questo, diversamente non esisterebbe consapevolezza, si resterebbe fermi nella situazione attuale e non ci sarebbe quel processo di crescita che la vita ci sta chiedendo. Siamo noi che stiamo devastando la vita sulla terra, siamo noi che dobbiamo provvedere. Una società formata da persone che riescano a comprendere l’importanza della Grande Visione, è una forza prorompente verso il cambiamento desiderato. Sentirsi parte attiva di questo grande film non può che regalarci gioie e soddisfazioni, perchè spesso nella vita basta un semplice pensiero, coltivato giorno dopo giorno, e come la goccia scava la pietra anche tutte quelle persone che desiderano un mondo migliore, con la giusta e operosa pazienza potranno contribuire a realizzarlo.

In sintesi la Grande Visione rappresenta un film di come potrebbe essere una società futura, fondata sui valori che Legione del Sole propone in relazione alla Triade di Luce. Questo film deve essere formato dai vari fotogrammi ottenuti dai nostri quadretti di vita quotidiana, che ciascuno di noi si dipinge ed in ognuno dei quali sono focalizzati con energia i valori importanti in cui desideriamo credere e che vorremmo diffondere. Ogni giorno vissuto regalando buone azioni e pensieri propositivi a favore della vita e della natura rappresenta un passo avanti nel cammino verso la consapevolezza di quella che diventerà poi la Grande Visione: raggiunta la massa critica inevitabilmente la Grande Visione si tramuterà nella Grande Realtà. Sicuramente non saranno tempi brevi, ma la cosa importante è sapere di essere sulla giusta strada,e con la forza dell’amore in cui crediamo il nostro cuore sarà sempre pieno di gioia. Questa gioia sarà contagiosa e dovrà scatenare un’epidemia tra la gente, affinchè ogni persona possa vivere normalmente la propria vita, ma allo stesso tempo essere carica di energia per la gioia di contribuire con tanta altra gente a realizzare la propria vita ed un futuro migliore. E’ lì da vedere questo film, ma dobbiamo essere in grado di proiettarlo quotidianamente: la Grande Visione, regia del sottoscritto che se lo sta proiettando. Produzione propria esentasse. Quale migliore occasione.

La terra è unica per tutti e per tutti la vita (quella fisica) è un viaggio di sola andata, meglio se fatto in un bell’ambiente, in salute ed in buona compagnia. E come le onde del mare scorrono incuranti del tempo, il vento continua soffiare, il sole sorge  e tramonta instancabile, anche noi proseguiamo il nostro viaggio e abbandoniamoci a tre minuti di relax…ascoltiamoci Bertoli!!…no, non è tempo perso…per noi il tempo si perde nell’infinita eternità dell’universo… Ci lasciamo con la frase di un personaggio che ha avuto il suo peso: “due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana, solo della prima non sono sicuro”. (A. E)

Clicca qui per Bertoli

Buon viaggio e alla prossima,

Legsol